IL PANINO DELLA COLAZIONE

Condividi questo articolo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessuna valutazione)
Loading...

Ma quanto costa la colazione al Bar: o meglio quanto costa al chilo ciò che mangiate ?
Più della pasticceria !

Stamane non ho fatto colazione a casa per cui ho pensato bene di prendere un panino e sono andato, come di consuetudine, in un bar pasticceria che frequento da anni per il caffè mattutino; ho scelto il panino con il prosciutto cotto ed ho chiesto un sacchettino per portarlo via, visto che avevo premura.
Lo stupore alla cassa allorché mi sono stati chiesti, per quel minuscolo panino, tre euro, rigorosamente senza scontrino; nel tragitto verso lo studio ho rimuginato sul prezzo pagato, per cui arrivato in ufficio – approfittando che avevo la bilancia della posta – ho fatto un’analisi29 grammi di pane e 22 grammi di prosciutto cotto, per un totale di 51 grammi (che arrotondo a 50 per comodità di calcolo).
Mi sono munito altresì, grazie ad internet, dei prezzi all’ingrosso di pane e prosciutto ed ho sviluppato i conti dell’analisi.

Dunque, avrei pagato quel panino 60,00 euro al chilo ma se tengo conto della componente fiscale rilevo che il prezzo di vendita virtuale per garantire il medesimo netto in regime di compliance fiscale, avrebbe dovuto essere di 95,00 euro al chilo.
Non basta: la materia prima, al costo dei prodotti all’ingrosso, incide per circa quindici centesimi per quel panino il che significa che il ricarico è di circa venti volte se lo rapporto al prezzo di vendita di 60,00 euro, ma il ricarico è di ben 640 volte se lo rapporto al prezzo virtuale di 95,00 euro.

Sono rimasto attonito: guardavo il panino e pensavo, pensavo e guardavo il panino; alla fine l’ho buttato sia perché la bilancia a contatto con gli alimenti poteva non essere perfettamente pulita, sia perché mi turbava l’idea di mangiare quindici centesimi di euro e per il resto maticare costo della manodoperaspese generali e utile d’impresa.
Meglio, molto meglio fare colazione a casa.
Marco Savio.

Lascia un commento

Progetto Partnership

  • Disponiamo di uno Studio di adeguata dimensione (occupa l’intero piano) ed atto ad ospitare circa 25 persone tra professionisti e collaboratori.

    Atteso che, attualmente, lo studio è solo parzialmente occupato, vi è la possibilità di accogliere nuovi colleghi strutturati (cioè con collaboratori), che condividano un progetto di crescita. (Leggi l’articolo completo…)


Vetrina Riflessioni

  • LESS COOKING

    Questo è il quinto Concept di un Business Model che ho creato rilevandone l’unicità.

    Mentre per i primi quattro non ho provveduto alla divulgazione per il loro forte interesse imprenditoriale e per la loro complessità che richiederebbe più un trattato che non un articolo, questo lo pubblico in quanto, avendo un apprezzabile contenuto sociale, ritengo sia utile divulgare l’idea affinché qualcuno la realizzi a beneficio delle signore: mamme, mogli o compagne che siano. (Leggi l’articolo completo…)


Vetrina Curiosità

  • È finito negli SPAM: perché, cosa vuol dire

    Carne di maiale (89%), prosciutto (2%), sale, amido, acqua, zucchero, spezie, il tutto tritato ed inscatolato: è un composto inventato negli USA nel 1937, definito SPICED HAM ovvero prosciutto (2% ?!) speziato ovvero più semplicemente SPAM, come sintetizza la scatoletta.

    Diffuso in epoca di guerra tra i civili, a causa del razionamento, era il pasto quotidiano dei militari USA (dal romanzo La Pelle di Curzio Malaparte). (Leggi l’articolo completo…)



Sintesix S.a.s. - Via Montevecchio, 11 - 10128 TORINO (TO)
Tel: 011 50.70.211 | Telefax: 011 50.70.299 | E-mail: segreteria@sintesix.it


Designed and hosted by Mavida snc